La nuova piattaforma di taglio Zünd D3 a doppio braccio non è per tutti: la sua produttività eccezionale la rende perfetta per quelle aziende che hanno bisogno di uno strumento in grado di gestire volumi di stampa fuori dal comune. È questo il caso di Tic Tac, la storica azienda vicentina guidata da Giancarlo Miotto e Luisa Bianchetto, che continua a crescere, incurante di crisi, brexit o oscillazioni del mercato che siano.
 Zünd D3 in produzione Tic Tac
Leader nella stampa online dal 2005, Tic Tac si è conquistata una posizione di tutto rispetto nel grande formato, con recenti incursioni in territori come quello delle etichette, disponibili sul sito da settembre. Nulla in azienda è lasciato al caso, grazie ad un’organizzazione perfetta del flusso di lavoro (gestito con un software proprietario sviluppato internamente) e della struttura produttiva, suddivisa per aree di lavoro che corrispondono alle diverse aree applicative: materiali flessibili, cartone e altri supporti rigidi.
I volumi di ordini gestiti da Tic Tac sono notevoli: si parla di una media di 280 commesse al giorno, per un totale di circa 15.000 clienti all’anno.
Questo, unitamente alla consapevolezza che il mercato è sempre più attento al settore degli imballaggi e degli espositori, ha convinto la proprietà ad investire in una piattafoma di taglio solida e flessibile, pensata appositamente per il mondo del packaging. Dopo un’accurata analisi delle soluzioni presenti sul mercato delle arti grafiche, Tic Tac ha deciso di confermare ancora una volta la fiducia nel costruttore svizzero Zünd, già presente in azienda con altri tre sistemi di taglio, scegliendo l’iperproduttiva serie D3.
|| Una vista dall’alto dell’aggiornatissimo parco macchine di Tic Tac, che comprende sistemi di stampa cartotecnici Durst dotati di carico e scarico automatico
Intervista a Giancarlo Miotto CEO di Tic Tac
Ceo Tic Tac Giancarlo Miotto
“Abbiamo bisogno di strumenti molto performanti
per tenere i ritmi di crescita del settore packaging & display”
Cosa vi ha spinto, da un punto di vista strategico, a investire per primi in Italia su Zünd D3?
Siamo un’azienda ad alto coefficiente tecnologico e innovativo. Da tempo notiamo nel mercato un crescente interesse nei confronti di packaging e display con lavorazioni particolari. Abbiamo recentemente ampliato l’offerta sul nostro sito con espositori da terra e da banco, complementi e sagome personalizzate.
I risultati di vendita sono stati subito molto incoraggianti e continuano a crescere. Ecco quindi la necessità di avere strumenti molto performanti per soddisfare le richieste nei tempi rapidissimi che caratterizzano gli e-commerce come il nostro e costituiscono la nostra filosofia aziendale. Consegniamo anche in 24 ore, in tutta Italia.
Quali sono le caratteristiche che vi hanno convinto?
La serie D3 ci è piaciuta per vari motivi. Dopo un’attenta analisi dei sistemi di taglio digitale presenti sul mercato, siamo tornati a investire ancora una volta in Zünd per la qualità dei prodotti che riusciamo a realizzare con le loro macchine.
Il D3 ci ha conquistato anche per le sue dimensioni contenute:
pur occupando lo stesso spazio di un tavolo da taglio a braccio singolo, per determinati tipi di lavori riesce quasi a raddoppiare la produttività. Con vantaggi anche dal punto di vista economico, visto che l’investimento è molto inferiore a quello per l’acquisto di due diverse macchine.
Inoltre – aspetto da non sottovalutare – siamo in una fase di espansione e di conseguenza, da qualche tempo, stiamo cercando uno stabilimento produttivo di dimensioni maggiori di quella attuale. Anche per questo motivo, in un momento così delicato per Tic Tac, il D3 è stato provvidenziale: massima produttività in uno spazio ridotto.
Il vostro rapporto con Zünd ha radici profonde: qual è la ragione di questo sodalizio?
Collaboriamo con Zünd da quasi quindici anni. Da noi sono passati più di dieci modelli di plotter e solo ora ne abbiamo quattro operativi. Mi sento di dire che, più che clienti, ci sentiamo partner.
I nostri operatori conoscono le soluzioni Zünd alla perfezione, sia hardware che software, grazie ai corsi di formazione a cui partecipano periodicamente e soprattutto alla profonda esperienza maturata direttamente in
produzione sulle macchine.
Proprio per questo la nostra scelta è stata molto consapevole: conosciamo gli utensili, sappiamo che possiamo spingere le macchine a lavorare anche 24/7. Dopo un doveroso periodo di prova sulla macchina – siamo i primi in Italia, dopotutto! – e di test del mercato valuteremo se sostituire anche gli altri plotter Zünd con il nuovo modello D3.
Zünd D3 Tic Tac